Convegno “I docenti aprono le frontiere”

A dieci anni dalla fondazione di Docenti Senza Frontiere (DSF), l’associazione è ora felice di festeggiare questo traguardo attraverso il convegno online “I docenti aprono frontiere: esperienze dentro e fuori la scuola” che si terrà venerdì 22 ottobre dalle ore 15.00 alle 18.00 e sabato 23 ottobre 2021 dalle ore 9.30 alle 12.30.

L’associazione è nata da un patto educativo tra un gruppo di docenti e genitori che ha sintetizzato impegno, successi e difficoltà di chi ha a cuore la costruzione di una comunità educante.

Il Convegno intende valorizzare le esperienze già realizzate da soci e non, e di immaginare per il futuro un’associazione ancora più efficace nelle sue azioni. In quest’ottica nei mesi passati Docenti Senza Frontiere ha lanciato una call attraverso i propri social per raccogliere racconti sui percorsi di formazione più significativi, attività laboratoriali e progetti di solidarietà internazionale e di scambio, sia in Italia che all’estero, da intendersi come buone pratiche replicabili.
A seguito dei numerosi abstract ricevuti, DSF ha selezionato quelli più significativi, arrivando così a evidenziare alcune macro aree di riferimento. Sarà interessante scoprire come docenti di diversi ordini e gradi, in servizio su tutto il territorio nazionale, esporranno temi “senza frontiere”, come l’Educazione alla Cittadinanza Globale (ECG), gli Strumenti, metodi, strategie, l’Alleanza scuola-territorio per una comunità educante e, fondamentali, Le discipline. Momenti di confronto, scambio di idee e discussione non mancheranno alla fine di ciascuna delle 4 sessioni.

Ospite d’eccezione al Convegno, la professoressa Luigina Mortari, ordinaria di Pedagogia generale e sociale presso l’Università degli studi di Verona, nonché neo-eletta Presidente del Consiglio d’amministrazione di INDIRE. Il suo intervento, previsto per venerdì 22 ottobre alle ore 17.15, tratterà di come “Avere cura della scuola”. L’autrice di “Apprendere dall’esperienza. Il pensare riflessivo nella formazione” (Carocci, 2003) ha promosso, infatti, tanto in ambiente accademico quanto scolastico, una ampia riflessione sulla pratica educativa, intesa come una professione ad elevata complessità, poiché chiede di gestire differenti situazioni per le quali non è disponibile un sapere dal valore generale. Da questa tesi ha avvio la riflessione della docente che, si auspica, sia lo spunto per una più ampia trasformazione della scuola, per educare e crescere cittadini capaci di gestire la complessità della società globale odierna.

Durante il convegno interverrà anche il prof. Izzo della SSPG di Civezzano.

Il Convegno di Docenti Senza Frontiere sarà trasmesso sulla piattaforma Zoom al link urly.it/3fs9v